Articoli

foto-comunicato-girotondo3

GIROTONDO il videoclip è on-line!

foto-comunicato-girotondo3

GIROTONDO – LUCA BASSANESE
https://youtu.be/m6CoCiG3E_4
(Official single / videoclip)

dal 20 aprile disponibile in tutti gli stores
https://fanlink.to/girotondo

Fabrizio de Andrè ci ha lasciato delle perle uniche, ognuna con un messaggio talvolta disarmante nella sua attualità. Girotondo è un brano tra questi. È del 1968, ma ancora oggi questa canzone sembra ricordarci come la follia della guerra scatenata dall’uomo ci riporti sempre ad un sola ed unica domanda: “Chi ci salverà?”
In questa reinterpretazione del brano “
Girotondo” da parte del cantautore Luca Bassanese, il focus si sposta dal dibattito sulla bomba atomica alle vittime delle guerre cosiddette “moderne”, dove, dal dopoguerra in poi, oltre il 90% dei caduti sono civili, in metà dei casi bambini, poiché questi, dati alla mano, sono gli effetti dei conflitti moderni, i cui teatri non sono più trincee o campi di battaglia, bensì città, villaggi, scuole e ospedali. Un ringraziamento speciale va ai docenti e agli alunni dell’Istituto Comprensivo Statale Floriani di Recoaro Terme (VI), che, considerando la tematica di rilevanza sociale e l’importanza delle arti nel processo educativo, hanno partecipato con il massimo impegno, portando un contributo prezioso e di altissimo livello alla realizzazione del brano e del videoclip.

Girotondo” è il terzo singolo del nuovo progetto multimediale di Luca Bassanese, 10 canzoni per 10 videoclip #ceunmondochesimuove / #theresaworldonthemove che verrà presentato ufficialmente il 10 agosto durante il concerto allo Sziget festival di Budapest.
Le canzoni convoglieranno in un nuovo album in uscita a settembre 2019.

Girotondo di Luca Bassanese(Testo di Fabrizio De Andrè, musica di Fabrizio De Andre e Gian Piero Reverberi) prod. art. Stefano Florio

(P) Ola Ola music

Sono centinaia e centinaia le facce pulite

Il problema non è cambiare i partiti ma le facce dei politici che da decenni sono sempre le stesse… e poi c’è chi ci racconta che l’ondata di antipolitica sia un pericolo? Questa è un’ondata di rivendicazione per andare verso una nuova politica fatta con il senso dello stato e della giustizia, un’onda che desidera responsabilità e governo, l’antipolica è quella perpetrata fino ad oggi da chi ha portato l’Italia in queste condizioni, ed ha fallito, prego, uscire adesso… sono centinaia e centinaia le facce pulite pronte a governare!

Un grande portale di utilità storica e sociale

“Canzoni contro la guerra” è il più vasto sito che raccoglie in rete canzoni con tematiche sociali. Un’importante strumento per leggere la storia attraverso parole e musica. Da Fabrizio De Andrè a Bob Dylan, da Ivan Della Mea a Boris Vian passando per Mercedes Soza fino a Ludwig van Beethoven.

Importante è segnalare soprattutto alle scuole la presenza di un portale di così grande spessore e utilità didattica.

Una raccolta internazionale di canzoni in tutte le lingue dove ogni brano è tradotto in molte lingue diverse tra cui alcuni dialetti.

http://www.antiwarsongs.org/

Verso un nuovo mondo Possibile!

Ogni cambiamento è frutto della gente; migliaia di sguardi di uomini, donne, bambini, associazioni, movimenti che da anni mostrano i loro volto, da nord a sud del nostro Paese isole comprese!… Tutti noi cittadini possiamo e dobbiamo restituire dignità alla politica per ricostruire un Paese dove il bene comune sia al centro d’ogni decisione di Governo al di fuori di beceri interessi di casta.
Se qualcuno ha ancora dubbi su quale sia lo scopo principale di un programma di partito, ascolti da subito le voci che si alzano in difesa dell’acqua, del territorio, della cultura, della ricerca, della dignità in territori disseminati da abusi edilizi dove il cemento soffoca, dove l’inquinamento uccide, ascolti da subito le voci di luoghi abbandonati come L’Aquila dove ho incontrato troppe macerie ma ho imparato il senso della vita da sguardi sapienti e pensieri forti come pietre.
Il futuro è Ascoltare con umiltà da nord a sud la voce di un Paese ricco di Bellezza non solo architettonica e artistica ma soprattutto UMANA, perchè l’umanità come diceva Chaplin possa sollevarsi al di sopra delle proprie miserie, al di sopra dell’avidità!

Possano le nuove generazioni respirare aria limpida e pura, bere acqua limpida e pura, avere un’anima limpida e pura… solo così potremmo dare un senso ad ogni nostra singola Esistenza.

Per questo continuiamo a camminare verso un nuovo mondo Possibile!

Luca BAssanese

C’è un mondo che si muove!

C’è un mondo che si muove, che parte dalla gente e non può essere fermato, dopo anni di storia sonnolenta, di lamentele davanti al telecomando, c’è un mondo che si muove. È un mondo che non ha età, non ha colore, non ha poteri da difendere se non la propria dignità.

C’è un mondo che si muove, figli nuovi e passati, per abbattere il muro degli ex idealisti accomodati in morbide poltrone con l’obbiettivo vacanze, morte psicologica e corporale di un’umanità che ora grida e fugge. Continua a leggere