treviso

SUONI in una SERA d’ESTATE

Ritorna quest’anno, sabato 26 agosto in piazza a Ponte della Priula (Treviso), la manifestazione “SUONI in una SERA d’ESTATE”.
L’evento era iniziato vent’anni fa poiché i genitori e gli amici di Alan Viel ne avevano voluto ricordare la memoria dedicando a tutti, e soprattutto ai giovani, un momento di riflessione sul valore della vita.
Alan, allora diciassettenne, fu travolto una sera d’agosto del 1997 da un’automobilista ubriaco, mentre in fase di sorpasso perdeva il controllo della macchina investendo un gruppo di ragazzi nel centro abitato e nell’incidente rimasero feriti anche altri ragazzi, di cui alcuni in modo molto grave.
La data è diventata un appuntamento importante dell’estate, a cui nelle varie edizioni hanno partecipato numerosissime persone per assistere all’esibizione di importanti artisti della scena nazionale come i Modena City Ramblers, la BandaBardò, Moni Ovadia, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, Mario Brunello e Marco Paolini, Alessandro Mannarino; ma soprattutto per ricordare tutti quei ragazzi che ogni anno perdono la propria vita sulla strada.
Quest’anno “SUONI in una SERA d’ESTATE” ritorna e noi vi aspettiamo!

treviso

P1150650

e si ritorna dalla Francia col cuore colmo di bellezza

Sono imbarazzato, lo ammetto, che altro dire!… Una standing ovation in uno dei festival più importanti di francia alla sua diciannovesima edizione, a metà spettacolo, dopo un’ora circa, riempie il cuore e l’anima. Grazie anche a tutti gli artisti che hanno condiviso il palco con me, da Stefano Florio (direzione artistica, strumenti a corda, cori) a Francesco Semeraro (fisarmonica, organetto, tamorra, voce), Giovanni Semeraro (clarinetto, tamorra, zampogna, voce), Francesco Mastronardo (basso, cori), Natale la Riccia (batteria, cori) e alla italo-francese Elodie Lebigre (voce).

Un abbraccio,
Luca Bassanese

____________________________________________________________

da newsletter Buanonaonda

P1150650Già reduce dal successo al Cabaret Sauvage di Parigi per Le Bal Rital, grande serata con standing ovation dopo la prima ora di spettacolo al Festival “Le Grand Soufflet” di Bretagna per Luca Bassanese accompagnato dalla Tarantella Circus Orchestra, in un concerto affollattissimo con il tutto esaurito, all’interno del circense “Chapiteau” di Parco Thabor a Rennes.

Il pubblico bretone è rimasto entusiasta dallo chansonier italiano definito dal FestivalLe Grand Soufflet” (nella sua diciannovesima edizione) come: “Il menestrello, attivista, poeta e musicista italiano che critica l’austerità convocando fanfare e tarantelle transalpine, in una grande operetta felliniana popolare e mondiale. Musicista Luca Bassanese cresciuto con i dischi di Fabrizio de André e ravvivato dal potente folklore delle due rive adriatiche (quella italiana e quella balcanica) che soffia sul braciere acceso dell’impegno sociale italiano con folate di fiati klezmer e ventate calde di opera buffa. Il suo incontro con i musicisti dei Tarantella Circus Orchestra a Parigi ha dato vita a questo spettacolo moderno, circense e straordinario, nuova pietra miliare nella sua opera di restaurazione della grande musica popolare italiana.

Luca_Bassanese_a_Le_grand_Soufflet_Festival

Altrettanto entusiasmo è stato riservato agli artisti della Tarantella Circus Orchestra tutti di origine Pugliese che hanno condiviso il palco con il cantautore: Stefano Florio (direzione artistica, strumenti a corda, cori) Francesco Semeraro (fisarmonica, organetto, tamorra, voce), Giovanni Semeraro (clarinetto, tamorra, zampogna, voce), Francesco Mastronardo (basso, cori), Natale la Riccia (batteria, cori) e alla italo-francese Elodie Lebigre (voce).

(photo by Noémi Croizer)

P1150512

 

ticket

CONCERTI IN FRANCIA

news brevi, veloci, concise… ma pur sempre decise!

Vi scrivo in diretta dallo studio dove stiamo lavorando in questi giorni al nuovo album che uscirà nel 2015.

Il 6 ottobre si parte per la Francia dove ci aspettano due concerti in Bretagna! Esattamente il 10 e l’11 ottobre i concerti si terranno a

Se passate da quelle parti, e so che qualcuno di voi verrà a trovarci, vi aspettiamo!

A breve, aggiornamenti con foto e quant’altro direttamente da Oltralpe…

Un Abbraccio Sostenibile,

Luca Bassanese

IMG_0214

foto della sessione di registrazione con Jacopo Fo alla Libera Università di Alcatraz

Alla Libera Università di Alcatraz momenti unici e rari!
Siamo già al lavoro per il nuovo videoclip… e mentre guardiamo ogni singolo girato, penso a quanto sarebbe bello avere tutti qui nuovamente presenti, tra questa infinità di attimi d’incredibile sinergia ed empatia… Ci faremo aiutare da ciò che la videocamera non ha potuto registrare, da ogni singolo tuffo nella bellezza dell’anima impressa negli sguardi, nei sorrisi, in ogni più piccola azione…

Grazie a Jacopo Fo, Nora Albanese, Imad Zebala… Alcatraz intera, Nessuno Escluso!

(Donne, Uomini, Bambini, Gatti, Cavalli… Giraffe!)

Saluto tutti con alcuni “intimi” sguardi fotografici di Elodie Lebigre catturati durante le registrazioni…

a presto con il videoclip del nuovo brano inedito!

(Sabato per chi fosse a Roma saremo in concerto alle ore 21.00 a Piazzale degli Eroi)

Luca BAssanese

Sessione di registrazione alla "Libera Università di Alcatraz" con Jacopo Fo per il videclip del nuovo brano inedito di Luca Bassanese

Sessione di registrazione alla "Libera Università di Alcatraz" con Jacopo Fo per il videclip del nuovo brano inedito di Luca Bassanese

Sessione di registrazione alla "Libera Università di Alcatraz" con Jacopo Fo per il videclip del nuovo brano inedito di Luca Bassanese

Sessione di registrazione alla "Libera Università di Alcatraz" con Jacopo Fo per il videclip del nuovo brano inedito di Luca Bassanese

Sessione di registrazione alla "Libera Università di Alcatraz" con Jacopo Fo per il videclip del nuovo brano inedito di Luca Bassanese

Sessione di registrazione alla "Libera Università di Alcatraz" con Jacopo Fo per il videclip del nuovo brano inedito di Luca Bassanese

Sessione di registrazione alla "Libera Università di Alcatraz" con Jacopo Fo per il videclip del nuovo brano inedito di Luca Bassanese

Banner_4-settembre-1

AFFIDATA AL CANTAUTORE LUCA BASSANESE L’APERTURA DEL VRBAN ECOFESTIVAL CON BANDABARDÒ, THE BLUEBEATERS, LEVANTE…

 

Dopo la sofferta decisione del Vrban EcoFestival di dover annullare l’esibizione dei 99 POSSE, per le motivazioni già note alla stampa, il 4 settembre a Verona salirà sul palco centrale LUCA BASSANESE & LA SUA PICCOLA ORCHESTRA POPOLARE con il concerto “per l’acqua, per la terra, per la dignità dei Popoli” nel quale presenterà il suo ultimo album dal titolo “L’amore (è) Sostenibile”. Riportiamo di seguito le motivazioni del Festival sulla scelta di Luca Bassanese (del quale si era già adottata la musica come “colonna sonora” di questa edizione) condivisa oltretutto come da comunicato stampa degli organizzatori con gli stessi 99 Posse che invitano a partecipare al Vrban EcoFestival (vedi ultime dichiarazioni: http://goo.gl/72yuEN)

Dove si esibiranno anche Bandabardò, The Bluebeaters, Levante, Anansi, I Monaci del Surf, O’Cucciariello, Colore

di seguito il comunicato stampa del Vrban EcoFestival:

“Luca Bassanese per Vrban non è solo un artista completo e poliedrico (attore,scrittore,musicista e cantastorie), ma prima di tutto è una “persona” speciale.

Vrban  l’ha scoperto 5 anni fa e da allora lo ha sempre seguito perché è un fatto che con la forza della sua musica ha sempre raccontato e fatto riflettere sulle tematiche che più stanno a cuore al festival: la sua scrittura infatti parla di temi sociali, interazione tra popoli e culture diverse, un mondo sostenibile nelle culture e religioni.

E Luca, lo fa in modo forte suggestivo e diretto.

Assistere ad un concerto di Luca vuole dire essere travolti da questo modo di parlare al cuore della gente. Portando dei messaggi che ispirano dei cambiamenti.

VRBAN ECOFESTIVAL l’aveva  già invitato alla 7 edizione del Festival, come artista in programma per la serata del sabato sera, e già allora la scelta si è rivelata perfettamente in linea le tematiche dell’evento:
– Il suo brano “L’acqua in bottiglia” diviene manifesto della campagna referendaria per l’acqua pubblica , ma anche  “La Leggenda del Pesce Petrolio” in sostegno all’Ass. Sea Shepherd per la difesa e la salvaguardia delle specie marine in via d’estinzione  con degli arrangiamenti dal “passo pesante” proprio ad indicare la pesantezza stessa di una macchia che inquina.

Vrban ha sempre seguito Luca nel suo percorso artistico promuovendo nel 2013 l’album La RIVOLUZIONE, dove i temi erano concentrati sulla Costituzione Italiana e lo invita al MEI di Faenza come rappresentante delle tematiche del progetto.

Nel 2013, durante l’ ottava edizione del Festival, il I° PREMIO VRBAN Ecofestival viene conferito proprio a Luca Bassanese, “per la sua continua ricerca e impegno attraverso la propria musica e scrittura alle tematiche di sostenibilità sociale ed ambientale”.

Anche quest’anno Vrban, a seguito dell’uscita del nuovo disco di Luca “L’AMORE (è) SOSTENIBILE”, aveva scelto l’intelligente e pregnante scrittura dell’artista come “colonna sonora” del Festival,  per il pubblico prima dei concerti, per portare i messaggi di sostenibilità.

Dopo la nostra sofferta decisione di dover annullare l’esibizione dei 99 POSSE, per le motivazioni già note alla stampa, ci siamo trovati davanti una responsabilità di scelta molto delicata, da diversi punti di vista, sia artistico, che di coerenza con le tematiche che porta avanti il progetto, insieme alla responsabilità di impegno per la sostituzione di un artista di forte carattere come la 99 Posse.

Per il legame profondo che ci lega a questo artista è stato naturale ed immediato pensare a Luca Bassanese.

Abbiamo incontrato Luca a Viareggio la settimana scorsa in occasione di uno splendido concerto per la Cittadella del Carnevale di Viareggio e con lui ci siamo confrontati, chiedendo all’artista di valutare di prendere un “palco” davvero difficile e  di assumere un compito importante e delicato, qualora avessimo dovuto cambiare il programma originario, per i motivi già noti.

Riteniamo che anche per l’artista non sia stato affatto semplice, a seguito di tutte le polemiche emerse, decidere di accettare questa responsabilità.

La sensibilità particolare di Luca Bassanese ha fatto si che qualora l’organizzazione si è trovata nella difficile condizione dell’annullamento del concerto, prevalesse un solo concetto alla base di tutto che condividiamo pienamente: VRBAN: è un bene comune !  E ciò che deve andare avanti ora più che mai, per sconfiggere la violenza e l’intolleranza sono proprio i temi che il progetto porta avanti. E non deve essere fermato.

Ecco perché Luca ha accettato di prendere il palco del giovedì in apertura del festival. Per il rispetto prima di tutto per il concetto che VRBAN porta avanti. Perché, come canta Luca, l’AMORE (è) SOSTENIBILE.

E di questo lo ringraziamo molto.

Non nascondiamo che siamo ancora increduli per quanto accaduto nelle scorse settimane, in relazione a tutte le vicende che hanno portato all’annullamento del concerto della 99 Posse, oltre ad essere anche amareggiati per tutte le polemiche e critiche che questa rinuncia ha generato, anche nel pubblico.

A seguito della decisione dell’annullamento, siamo andati ad incontrare la 99 POSSE nel loro concerto a Brescia,  per  parlare insieme di tutto quanto accaduto ed anche per condividere la scelta di dare il palco del giovedì in loro sostituzione proprio a Luca Bassanese, nuovo artista della musica popolare italiana, portatore sano di valori importanti quali la salvaguardia dell’ambiente, la valorizzazione della cultura e tradizione italiana,  la dignità dei popoli,  il lavoro e la responsabilità civile, oltre che una ricerca musicale dalle sonorità che racchiudono il paese ITALIA.

Siamo convinti che Luca Bassanese sia uno degli autori più interessanti che il panorama italiano possa avere in questo periodo e ci sentiamo orgogliosi di poter contribuire a dare lui la possibilità di poter portare il proprio messaggio di sostenibilità a VRBAN ECOFESTIVAL ed in Italia”.

 

Prossimi appuntamenti LUCA BASSANESE in concerto:

6 settembre @ Tabarka Jazz Festival (TUNISIA)
12 settembre @ “Il cuore dell’Africa…” Trebaseleghe (PD)
14 settembre @ “Oasi Rossi in Festa” Santorso (VI)
27 settembre @ “Piazzale degli Eroi” ROMA
10 ottobre
@ Salle le Zephyr – Châteaugiron (FRANCE)
11 ottobre
@ Chapiteau Grand Soufflet, Parc du Thabor, Rennes (FRANCE)

www.lucabassanese.it

AD ALCATRAZ PER L’ESTASIMUSICANDO

Il festival più cult d’Italia con Dario Fo, Jacopo Fo, Paola Turci, Bandabardò e molti altri artisti avrà per DOMENICA 3 AGOSTO IL GRAN CONCERTO DI “LUCA BASSANESE & LA SUA PICCOLA ORCHESTRA POPOLARE”… vi aspettiamo!
__________

Jacopo-Fo-e-Luca-Bassanese

Jacopo Fo e Luca Bassanese alla Libera Università di Alcatraz

In un luogo dove la fantasia abbraccia l’intelligenza, dove l’arte diviene poesia e Bellezza, in un luogo così ai confini del sogno non si poteva mancare!
Onorati e felici per l’invito sarà un’atra occasione per dire sempre con stupore e con meraviglia che l’acqua non nasce nella bottiglia, che i sognatori sono coloro che concretamente ogni giorno lottano per un futuro dove l’amore (è) sostenibile, dove non ci si può fermare di fronte all’apparenza. Perchè la vera forza è nella partecipazione, in tutti qui movimenti, associazioni che abbiamo incontrato ed abbracciato in questi anni perchè c’è, un mondo che si muove! Ed allora mostriamo a tutti questo mondo, cantiamolo ad alta voce e diveniamo strumento di un grande sogno possibile dove “Osare la Speranza” come ci ha insegnato l’amico di noi tutti Don Andrea Gallo diviene l’atto poetico più grande, Meraviglia e Splendore… Quando piove tutti cercano riparo tranne gli alberi che hanno altro a cui pensare!
Uniamoci Tutti…
un Abbraccio Sostenibile, Luca Bassanese

Luca Bassanese - live AlcatrazESTASIMUSICANDO Dal 2 al 9 agosto 2014. Libera Università di Alcatraz, loc. Santa Cristina 53, 06020 Gubbio (PG)

 

 

 

nuovo videoclip “la classe operaia (non va più in paradiso)”

LA CLASSE OPERAIA (NON VA PIÙ IN PARADISO). IL NUOVO VIDEOCLIP DI LUCA BASSANESE

Un ring, due pugili, e il senso del lavoro come riscatto sociale.

link diretto al video: http://youtu.be/S1tfWwI5IFQ

news_foto_mail_sito

Nuovo videoclip per il cantautore attivista Luca Bassanese dal suo ultimo album “L’amore (è) sostenibile”. Un bianco e nero che ricorda un passato presente, ossimoro di questi tempi schizofrenici dove l’identità non è più classe ma omologazione.
Pier Paolo Pasolini nella sua ultima intervista pochi giorni prima di morire diceva: “Ho nostalgia della gente povera e vera che si batteva per abbattere il padrone senza diventare il padrone. Poiché erano esclusi da tutto nessuno li aveva colonizzati.”
Ed è cosi che la mercificazione ed il consumismo giunti ad ogni strato sociale hanno portato all’omologazione di tutto e di tutti. Rendendo simili i desideri si sono omologate le masse sostituendo il sogno di famiglia e comunità al “sogno necessario”, come diceva Guy Debord, individualista della merce, quel sogno mediato dalle immagini della pubblicità. Dice Bassanese: « “La Classe Operaia (non va più in paradiso)”, citazione al “negativo” dello storico film di Elio Petri, non vuole essere la denuncia di una sconfitta, ma l’invito a ragionare su quel sentimento di riscatto legato al lavoro e ai diritti del lavoratore come strumento di libertà, indipendenza, dignità e futuro per cui tanti hanno lottato», un futuro di giustizia ed equità dove la parola stessa “lavoro” viene vista necessariamente in funzione di una crescita collettiva, sociale e culturale, fulcro della nostra Costituzione, art. 1 « L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. »
Il brano è prodotto da Stefano Florio per Buenaonda Etichetta Discografica.

CREDITS

“La Classe Operaia (non va più in paradiso)”
dall’album di Luca Bassanese “L’amore (è) sostenibile”
ITunes  http://tinyurl.com/p4pmn4l

Prodotto da Stefano Florio per Buenaonda Etichetta Discografica

Regia:
Elodie Lebigre, Francesco Mastronardo

Montaggio:
Francesco Mastronardo

Con:
Juan Carlos Cucco
Nicola Nicoli

Location:
Centro Sociale Bocciodromo
Palestra Polisportiva Independiente

Si ringraziano:
Marco Artolozzi
Carlo Milan
Francesco Pavin
Teo Molin Fop

____________

Francesco - Buenaonda Comunicazioni
francesco.mastronardo@buenaonda-officialsite.it
m.p. 388 9218475

 

Speciale TG3 “La Ballata dell’Emigrante”

il nuovo videoclip dall’album “L’amore (è) sostenibile” su Speciale TG3 di domenica 6 aprile

“La Ballata dell’Emigrante (Cervelli in fuga)” vuole essere “l’inno” di una generazione che non smette di sognare e che nonostante tutto crede in un futuro possibile e sostenibile dove chi perde non è colui che emigra ma il suo Paese d’origine che non fa nulla per trattenere con se il meglio dei suoi talenti! Un Abbraccio sostenibile a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo brano, a Stefano Florio in primis, ai musicisti migranti Télamuré e alla voce di Silvia Girotto. Buon ascolto e buona visione, Luca Bassanese”

news-video-rai-tre_ok

il nuovo videoclip dall’album “L’amore (è) sostenibile”

La Ballata dell’Emigrante (Cervelli in fuga)” vuole essere “l’inno” di una generazione che non smette di sognare e che nonostante tutto crede in un futuro possibile e sostenibile dove chi perde non è colui che emigra ma il suo Paese d’origine che non fa nulla per trattenere con se il meglio dei suoi talenti! Un Abbraccio sostenibile a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo brano, a Stefano Florio in primis, ai musicisti migranti Télamuré e alla voce di Silvia Girotto. Buon ascolto e buona visione, Luca Bassanese
_________________________

“(CERVELLI IN FUGA) LA BALLATA DELL’EMIGRANTE”. IL NUOVO VIDEOCLIP DI LUCA BASSANESE CON MUSICISTI MIGRANTI ITALIANI

link diretto al video: http://youtu.be/JhL8cBElJqE

Video_foto_frame

Dopo l’uscita dell’album “L’amore (è) sostenibile“, nuovo singolo e videoclip per il cantautore Luca Bassanese, realizzato tra Italia e Francia e dedicato ai “Cervelli in fuga“, giovani di talento o alta specializzazione professionale costretti a lasciare il nostro Paese per cercare un futuro dignitoso. Registrato a Parigi  (Montreuil) con musicisti migranti Pugliesi, del gruppo di musica tradizionale Télamuré, “La Ballata dell’Emigrante” con l’apertura corale, ironica e graffiante, “Cervelli in fuga”, vuole essere l’inno di una generazione colpita da una grave crisi ma che non smette di sognare e nonostante tutto crede ancora in un futuro possibile e sostenibile. Una pizzica per raccontare l’esodo quotidiano di centinaia e centinaia di giovani italiani. Dice Bassanese «La canzone si inserisce nel quadro storico delle “canzoni migranti” raccontando però una nuova storia, non più la migrazione con spago e valigia di cartone ma con una laurea da sfruttare ed un cassetto di sogni da riaprire, per troppo tempo chiuso dall’indifferenza di un Paese d’origine che non riesce a trattenere con sé il meglio dei suoi talenti». L’incipt del brano diviene una sorta di mantra che torna a ripetere “Italia dolce Italia t’ho cercata, t’ho baciata, ma ora ti saluto… oh mia bella addormentata!”. Con la speranza di poter ritornare un giorno a riabbracciare il tanto amato “lu mare, lu mare, lu vientu, lu sule” senza l’affanno di dover ripartire.

Il brano che fa parte del nuovo album di Luca Bassanese dal titolo “L’amore (è) sostenibile” è prodotto da Stefano Florio per Buenaonda Etichetta Discografica.

La Ballata dell’Emigrante (Cervelli in fuga)

Video_foto_frame3dal nuovo album di Luca Bassanese:
“L’amore (è) sostenibile”

Prodotto da Stefano Florio per Buenaonda Etichetta Discografica

Registrato tra Italia e Francia (Parigi)
Montaggio Michele Piazza
Riprese video Francesco Mastronardo

Con
Luca Bassanese
Silvia Girotto
Francesco Semeraro
Giovanni Semeraro
Francesco Rosa
Roberta Baldi

www.buenaonda-officialsite.it
www.lucabassanese.it

_____________

Francesco Mastronardo
Buenaonda Comunicazioni
francesco.mastronardo@buenaonda-officialsite.it
m.p. 388 9218475

IMG_0465

10 Agosto @ SZIGET Festival

Tra le prime date confermate per il 2019 è con grande gioia che vi annunciamo il concerto del 10 agosto allo Sziget Festival di Budapest in Ungheria

#concert #worldmusic #lucabassanese #lucabassanese_official

 

IMG_0465

foto-copertina-video

Luca Bassanese & P.O.P. in concerto per Match it now (ADMO)

15 settembre Luca Bassanese & la Piccola Orchestra Popolare in concerto @ Piazza della Libertà (Macerata) in occasione di Match it now l’evento Nazionale sulla promozione della DONAZIONE di MIDOLLO OSSEO

Solo 1 persona su 100.000 è compatibile con chi sta aspettando un trapianto perchè malato di leucemia..e quella persona potresti essere proprio TU

Hai tra i 18 e i 35 anni ?

Fai una scelta consapevole, diventa un DONATORE di VITA.

Ti aspettiamo a MACERATA sabato 15 settembre in occasione di MATCH IT NOW,

l’evento nazionale sulla promozione della DONAZIONE di MIDOLLO OSSEO.

Maggiori informazioni su WWW.ADMOMARCHE.IT

31369647_10216191416323535_1413442336607698944_n

#aiutaunosmidollato – ampliamento del numero di stanze sterili

Come oramai saprete, da alcuni mesi sto tenendo degli incontri con delle persone straordinarie, in collaborazione con ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) a sostegno della campagna #aiutaunosmidollato

In questi incontri si parla di vita e di possibilità, di storie, di esperienze, si condividono emozioni e pensieri, si proietta il videoclip del brano “Siamo la pioggia e siamo il sole” con protagonista Sandro Pupillo e la sua testimonianza di vita, il suo grido di esistenza!

Ora siamo ad un passo ulteriore, gli incontri continuano e l’invito è di venirci a trovare per incontrarci occhi negli occhi, ma una nuova sfida è stata lanciata da Aiutaunosmidollato

Forse un sogno, si un sogno…ma che se saremo in tanti a sognare diverrà realtà!

Clicca sul link qui in basso ed aderisci anche tu a questa nuova sfida

Un forte abbraccio, Luca Bassanese

Gilberto_Salmoni

per la Giornata della memoria

Gilberto_SalmoniÈ un onore per me oggi partecipare all’incontro con Gilberto Salmoni, testimone della storia, sopravvissuto al campo di stermino nazista di Buchenwald. Eseguirò alcune mie canzoni con un finale a sorpresa…
Vi aspettiamo oggi pomeriggio alle 15.00 presso il Palazzo delle Opere Sociali (Piazza Duomo, 2 Vicenza), in Sala “G. Lazzati”.